Il Dolce di San Giovanni

Una bambina subisce una violenza, che annulla completamente la sua capacità di riconoscere il valore della propria identità. La bimba perde la memoria di quell’episodio, fino a quando un giorno, ormai donna, un ricordo riemerge… e nello svolgere del proprio lavoro trova un modo dolce e di profonda fede per iniziare anche simbolicamente la sua nuova vita. Desidera cogliere questa possibilità insieme a tante altre persone che nei loro prossimi passi, come lei, vogliono sentire risuonare l’armonia del proprio essere.

Questa è la vera storia del Dolce di San Giovanni, dedicato a tutti coloro che desiderano e si impegnano, soprattutto con loro stessi, a intraprendere un nuovo percorso. E’ un augurio. E’ una festa. E’ gioia, per se stessi e condivisa. E’ perdono per il passato. E’ pace. E’ nuova vita. E’ un battesimo.

Prenota

IL PROGETTO
DOLCE DI SAN GIOVANNI

Obiettivi

OBIETTIVO EMOZIONALE – Vivere un’esperienza di sostegno al consumatore.
Avere un dolce che rappresenti Gioia e che porti con sé un messaggio forte di Festa per la collettività ma anche per il singolo individuo. Questo potrà avvenire sia il 24 Giugno sia in altri particolari momenti della vita dei consumatori.

OBIETTIVO SOCIALE – Realizzare un’attività di sostegno alla comunità/territorio.
Il dolce tenderà a diventare il simbolo del sostegno concreto che sarà dato a specifiche categorie di persone disagiate, la cui esperienza è strettamente legata alla storia del dolce. I proventi derivanti dalle offerte sono devoluti, attraverso AMMP, ad associazioni che si occupano del recupero dei detenuti o di bambini in grosse difficoltà o che hanno subito violenze.

OBIETTIVO COMMERCIALE – Proporre un nuovo prodotto di sostegno alla filiera produttiva e commerciale del settore dolciario e della pasticceria. Abbassamento della stagionalità nel settore pasticceria

L’idea

L’Idea è stata quella di creare un prodotto esteticamente bello e nuovo nella forma, che con il suo sapore apra la mente alla curiosità e alla scoperta.

L’Intenzione è stata quella di inserire nel Dolce di San Giovanni i prodotti tipici dei territori che celebrano il Santo, in modo che i consumatori possano riconoscere i “loro” sapori e il “loro” patrimonio culturale e che da subito questo dolce possa diventare un prodotto “tradizionale”.

Lo Spirito è dato dall’intreccio tra la storia reale, legata a ciò che il dolce celebra, la storia del singolo consumatore e la storia dell’autrice.

DOVE LO PUOI TROVARE

  • Bookshop Duomo di Torino

  • Ristorante El Brandé – Savigliano CN – (Specialità Carne alla Griglia)

  • Ristorante La Rustica – Torino (Specialità Peruviane)

News

Leggi tutte le news